Ciprian Muresan, Untitled, 2012. Video still
Ciprian Muresan, Untitled, 2012
Ciprian Muresan, The Praxis of Starvation, 2012. Video still
Ciprian Muresan, Untitled, 2012. Installation of 17 drawings
Ciprian Muresan, Untitled, 2010
Ciprian Muresan, Untitled, 2010
Ciprian Muresan, Pioneers, 2008
Ciprian Muresan, Pioneers, 2008
Ciprian Muresan, Bosch, 2008
Ciprian Muresan, Untitled, 2008
Ciprian Muresan, Miners, 2007
Ciprian Muresan, The Gospel of Saint John, 2006
Ciprian Muresan, The end of the five years plan, 2006
Ciprian Muresan, Milka, 2006
Ciprian Muresan, Choose, 2006. Video still
Ciprian Muresan, Un chien andalou, 2004. Video still
Previous Next

Ciprian Mureșan

Ciprian Mureșan è un artista rumeno nato nel 1977 a Dej, vive e lavora a Cluj.

Abbastanza sovversiva, l'opera allegorica di Ciprian Muresan riflette sulla vita post-sovietica e sulle questioni di produzione artistica. Più conosciuto per i brevi cupi umoristici video, Muresan lavora attraverso vari media per comunicare una visione del mondo sardonica formata dal raggiungimento della maggiore età durante la rivoluzione in Romania e la confusione politica che ne è seguita. La serie Pioneers (2010) si riferisce alla scandalosa rivelazione secondo cui i bambini senza casa vivevano nelle fogne, la quale è divenuta simbolo della transizione non riuscita della Romania al capitalismo. Per Muresan, questi schizzi che mostrano bambini che sniffano colla, costituiscono “l'immagine perfetta”, poiché rivelano i miti e le ipocrisie del capitalismo e del comunismo allo stesso modo. Nel frattempo, Into the Void, after tree seconds (2004) aggiunge un tocco cupo alla fotografia di Yves Klein del 1960, di un uomo sospeso a mezz'aria dopo aver saltato da una finestra. Disteso sul marciapiede tre secondi dopo, il suo senso di libertà e trascendenza è svanita.