Mary Zygouri, The Round-up Project: Kokkinia 1979—Kokkinia 2017 \ M.Z. \ M.K. (2017). Installation with digital video, color, sound, 16 min. documenta 14, Palais Bellevue, Kassel. Photo credit Angelos Giotopoulos
Mary Zygouri, The Round-up Project: Kokkinia 1979—Kokkinia 2017 \ M.Z. \ M.K. (2017). Installation with digital video, color, sound, 16 min. documenta 14, Palais Bellevue, Kassel
BATH OF THE CONSTITUTION \1911-2016, "Hürriyet" Public Bath in Dolapdere, Tarlabasi, Istanbul (TR), 9' 41"min, Jan. 30, 2016
Movimento in Semi-Libertà , Omaggio ad Antonio Gramsci, Ex- Carcere di Putignano, 8’:16", 3 Maggio 2015
Movimento in Semi-Libertà , Omaggio ad Antonio Gramsci, Ex- Carcere di Putignano, 8’:16", 3 Maggio 2015
BATH OF THE CONSTITUTION \1911-2016, "Hürriyet" Public Bath in Dolapdere, Tarlabasi, Istanbul (TR), 9' 41, Jan. 30, 2016
La Retata, 2017
Mary Zygouri, The Round-up Project: Kokkinia 1979—Kokkinia 2017 \ M.Z. \ M.K. (2017). Installation with digital video, color, sound, 16 min. documenta 14, Palais Bellevue, Kassel. Photo credit Angelos Giotopoulos
Mary Zygouri. Venus of the rags | in Transit | Eleusis, 2014
Mary Zygouri. Venus of the rags | in Transit | Eleusis, 2014
Previous Next

Mary Zygouri

Mary Zygouri è nata nel 1973 ad Atene, vive e lavora tra la Grecia e l'Italia.

Ha studiato presso la Scuola di Belle Arti di Atene e ha conseguito un Master in Belle Arti al Chelsea College of Art and Design di Londra. L'artista affronta le questioni legate all’identità e alle crisi nella cultura contemporanea. Le sue azioni pubbliche e performances riflettono sui sistemi di potere, la sorveglianza, la censura, i diritti umani e le relazioni tra l'uomo e l'animale. Le sue performances coreografiche spesso si svolgono in spazi pubblici, provocando esiti imprevedibili e costringendo il pubblico a impegnarsi criticamente nelle azioni. Il corpo collettivo dell'artista e degli spettatori / partecipanti diventano i principali attori di un rito sociale, situato tra una manifestazione, un corteo e un gioco collettivo. 

Le tattiche che Mary Zygouri ha seguito nelle sue azioni negli ultimi anni sono interventi pubblici, aperti alla reazione dello spazio pubblico urbano. In queste esibizioni la sua presenza in una situazione di spontaneità completa, costringe il pubblico che diventa pubblico a muoversi, interrompendo il normale flusso quotidiano e trasformandolo, per il tempo limitato dello spettacolo in un luogo di produzione discorsiva.

Performance recenti e mostre includono: "Ottomani e Europei", Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, IKSV (Istanbul, 2015); “Una trilogia”, Galleria Alberto Peola, (Torino, 2015); “Omonia”: 6 ° Biennale di Atene, ISET contemporanea greca Art Institute (Atene, 2015); “Carnaval / Visual Art”, I.C.E e Teatro Pubblico Pugliese, Museo Pino Pascali (Bari, 2015); “Il suono della proprietà”, le prestazioni, Felicità sostenibile, e TRW (Cagliari, 2014). “Venere degli stracci \ in Tansit \ Eleusi, 2014”, le prestazioni, Michelangelo Pistoletto, Aischylian Festival (Elefsina, 2014); “Laborintus”, Galleria Dino Morra Arte Contemporanea (Napoli, 2013); “Archivio diritti 1”, “OPERA APERTA- Maria Karavela”, ISET contemporanea greca Art Institute (Atene, 2012). Nel 2012 Mary Zygouri è stata premiata da ΑICA (Association Internationale des Critiques d'Art) Hellas.

Nel 2017 partecipa a Documenta 14.