Sandra Vasquez de la Horra, El Canto del Desierto, 2016. Installation view
Sandra Vasquez de la Horra, El Canto del Desierto, 2016. Installation view
Sandra Vasquez de la Horra, El Canto del Desierto, 2016. Installation view
Sandra Vasquez de la Horra, El Canto del Desierto, 2016. Installation view
Sandra Vasquez de la Horra, El Canto del Desierto, 2016. Installation view
Sandra Vasquez de la Horra, El Canto del Desierto, 2016. Installation view
Sandra Vasquez de la Horra, El Canto del Desierto, 2016. Installation view
Sandra Vasquez de la Horra, El Canto del Desierto, 2016. Installation view
Sandra Vasquez de la Horra, De perlas y Burbujas, 2014. Graphite on paper, wax 81,5x61cm
Sandra Vasquez de la Horra, La Contemplante, 2014. Graphite on paper, wax 78,5x60,5 cm
Sandra Vasquez de la Horra, Las devotas novicias, 2014. Graphite on paper, wax 78x57cm
Sandra Vasquez de la Horra, La Dama de los Misterios, 2014. Graphite on paper, wax 86x60 cm
andra Vasquez de la Horra, Reptilian Woman, 2012. Graphite on paper, wax 76x56cm
Sandra Vasquez de la Horra, La Florecida, 2015. Graphite on paper, wax, 85,5 x 60,5 cm
Sandra Vasquez de la Horra, La Ninfa, 2014. Graphite on paper, wax 85,5x60,5 cm
Sandra Vasquez de la Horra, El Dibujante, 2015. Graphite on paper, wax 57x40x15 cm
Sandra Vasquez de la Horra, El Viaje de Sirius, 2015. Graphite on paper, wax 56x34x20 cm
Sandra Vasquez de la Horra, Tunel, 2015. Graphite on paper, wax 54x40x20 cm
Sandra Vasquez de la Horra, Draco, 2015. Graphite on paper, wax 39x25x12,5 cm(2Partes)
Sandra Vasquez de la Horra, Yemayá, 2015. Graphite on paper, wax. 107x78 cm
Sandra Vasquez de la Horra, Diva Enmascarada, 2015. Graphite on paper, wax 76x56,5cm
Sandra Vasquez de la Horra, Ellegua, 2015. Graphite on paepr, wax. 64,5x50 cm
Previous Next

El Canto del Desierto

Sandra Vásquez de la Horra

Inaugurazione 20 Gennaio 2016, ore 19 20 Gennaio - 12 Marzo, 2016 Via Ventura, 3 Milan 20134 Italy

Prometeogallery è lieta di presentare la prima mostra personale in Italia di Sandra Vasquez de la HorraEl canto del desierto.

Le opere, disegni e sculture rievocano miti e leggende popolari che provengono dalla tradizione afro-latinoamericana della mitologia Yoruba e attingono al repertorio personale delle sue memorie e del suo vissuto, in un alternarsi continuo di citazioni ed elementi che richiamano alla cultura europea  da una parte e a quella latinoamericana dall'altra.  

Nonostante abbia scelto l'Europa come sua patria elettiva la sua opera è profondamente legata alla cultura e all'iconografia della sua terra di origine, il Cile.

Con la sua opera l' artista intende superare il concetto di testimonianza storica e antropologica: esprime graficamente la complessità del proprio intimo, il senso di ambiguità, disegnando figure la cui identità resta intrappolata in una sorta di incompiutezza ; esseri morfologicamente e intimamente destabilizzanti all'occhio dello spettatore, situati tra il sogno e la visione, il sacro e il profano, a volte grotteschi e caricaturali, altre volte leggiadri e delicati.

Il Processo di produzione dei suoi disegni è esso stesso molto suggestivo. L'artista immerge infatti i fogli di carta nella cera d'api, come fosse un rituale magico che rafforza il potere evocativo di ciò che è rappresentato e conferisce all'immagine, la sostanza materiale e il valore simbolico della reliquia e allo stesso tempo cristallizza il sentimento da cui scaturisce l'opera stessa.

La proiezione di un'immagine mentale, di un luogo dello spirito,  diviene icona, capace di trascendere il sentimento individuale e con un linguaggio universale parla all'uomo della sua indefinitezza sostanziale.