Untitled, 2012, sculpture, 32.000 posters, 100 x 250 x 70 cm
Untitled, 2012, Video still
Untitled, 2012, drawing, pencil on paper, 30 x 40 cm
The Praxis of Starvation, 2012, video still
Untitled, 2012, pencil on paper, variable dimensions
Untitled, 2012, pencil on paper, variable dimensions
Untitled, 2012, pencil on paper, variable dimensions
Untitled, 2012, pencil on paper, variable dimensions
Untitled, 2012, pencil on paper, variable dimensions
Untitled, 2012, pencil on paper, variable dimensions
Untitled, 2012, installation of 17 drawings, pencil on paper,variable dimensions
Previous Next

ON GIVING UP

Ciprian Muresan

Inaugurazione/ 25 Ottobre 2012 / ore 19 26 Ottobre – 21 Dicembre

Prometeogallery di Ida Pisani è lieta di presentare la quarta mostra personale dell’artista rumeno Ciprian Muresan presso i suoi spazi a Milano.

L’attuale mostra “On Giving Up” presenta diversi nuovi lavori di Ciprian Mureşan, tra cui una grande scultura costruita con dei manifesti, disegni, e due video girati a Cluj poco prima di arrivare in Italia. L’importanza della storia, frutto dell’esperienza collettiva ma anche la storia, quella che viene raccontata ai bambini, ancora una volta è al centro dell’indagine di Mureşan e funge da possibile filo conduttore tra le opere qui esposte. Mureşan rimette in scena la nostra esperienza della storia, decontestualizzandola però dal luogo comune di appartenenza, così il manifesto lascia il suo scenario abituale che è la strada, perdendo il suo potere comunicativo, per entrare nello spazio chiuso della galleria. Qui diventa un grande monolite al quale è possibile avvicinarsi ed interrogarsi sulla possibilità di accesso alle informazioni in esso contenute. Ci chiediamo se il nuovo contesto suggerito da Mureşan diventa un mezzo per affrontare criticamente la storia dei nostri giorni?

Nel Video “Untitled”, ideato esclusivamente per tale mostra, è l’artista stesso che viene ripreso mentre, con i polpastrelli delle dita, sfiora la superficie degli edifici, in un gesto reiterato, ripetitivo e ossessivo, che ricorda quello usato dai bambini quando camminano per strada. L’esperienza come mezzo di conoscenza ma anche come messa in discussione dei meccanismi sociali e della costruzione dell individualità che ne consegue. È proprio da certi gesti dell’infanzia/ adolescenza che Ciprian Mureşan attinge per rappresentare l’imperfezione di una Storia che si ripete in maniera ossessivamente identica a se stessa. Il video è dedicato alla pratica artistica di Francis Alÿs e Andrea Faciu.

Ciprian Muresan, nato nel 1977 a Dej, è uno artisti rumeni più conosciuti della sua generazione. Formatosi all’Accademia di Belle Arti di Cluj-Napoca, lavora utilizzando diversi strumenti espressivi quali il video, l’installazione e la performance. Dal 2005 pubblica IDEA art + society magazine. Tra le mostre personali: Stage and Twist (Two person show with Anna Molska), Project Space – Tate Modern, London;Recycled Playground<, Centre d’Art Contemporain Genève (2012) and FRAC Champagne-Ardenne, Reims (2012); Ciprian Mureşan, Neuer Berliner Kunstverein, Berlin (2010). Tra le Mostre Collettive: III Moscow International Biennale for Young Art, Moscow, Russia (2012), Six Lines Of Fligh, San Francisco Museum of Modern Art – SFMOMA, San Francisco, Usa (2012); Image to be projected until it vanishes, MUSEION, Bolzano, (2011); The Beauty of Distance, 17 Biennale di Sydney, Australia (2010); Promises of the Past, Centre Pompidou, Parigi, France (2010); The Generational: Younger Than Jesus, New Museum, New York, (2009); Seductiveness of the Interval, Romanian Pavilion, 53 Biennale di Venezia (2009); 3 Biennale di Praga (2007).