When Dreams Become Necessity, Installation view
When Dreams Become Necessity, Installation view
Observation, 2009
Observation, 2009
Observation, 2009
Observation, 2009
Previous Next

When Dreams Become Necessity

Driant Zeneli

Trilogy (2009-2014) 18 Febbraio – 30 Marzo, 2015 Via Ventura, 3 Milano 20134 – Italia

Prometeogallery è lieta di presentare la seconda personale dell’artista albanese Driant Zeneli con la trilogia When Dreams Become Necessity (2009-2014).

Qual è la più seducente promessa di felicità dietro una condizione generale di disincanto?
When Dreams Become Necessity indaga la portata di alcuni tentativi performativi con l’obbiettivo di ridefinire l’idea di fallimento, utopia e sogno come momenti fondamentali per la costruzione di una possibile alternativa.

When Dreams Become Necessity è composta da tre video: The Dream of Icarus Was to Make a Cloud (2009) è il tentativo di realizzare una nuvola volando con un parapendio; in Some Say the Moon is Easy to Touch … (2011) l’artista si lancia con il bungee jumping per toccare la luna il giorno in cui questa si trova alla minima distanza dalla terra. In Don’t look at The Sun while you’re expecting to Cross it (2014) l’artista decide di attraversare il sole dopo che la cometa Lovejoy nel 2011 ha transitato nel perielio rimanendo intatta.

Come indicato nei titoli, nelle tre azioni performative l’artista cerca di raggiungere degli obbiettivi comunemente percepiti come impossibili. L’attesa e la preparazione tecnica occupano quasi interamente la durata di ciascun video, risolvendosi rapidamente nel raggiungimento dell’obbiettivo e nel conseguente disfacimento dell’illusione. L’immaginazione non si esaurisce di fronte all’insuccesso personale né si impoverisce di fronte ai fallimenti della scienza ma ne accetta le sfide, aprendosi alla riflessione e alla ricerca in grado di trasformare la promessa in impegno.

La trilogia:
Don’t look at The Sun while you’re expecting to Cross it (2014), viene presentata per la prima volta in questa occasione. Prodotto da Vulcano – Unità di produzione contemporanea, Venezia.
Some Say the Moon is Easy to Touch … (2011) è stata presentata per la prima volta in occasione della partecipazione dell’ artista al Padiglione Albanese alla 54ma Biennale di Venezia (2011).
The Dream of Icarus Was to Make a Cloud (2009) è l’opera vincitrice del premio Young European Artist Award Trieste Contemporanea (2009).

Biografia:
Driant Zeneli (1983, Shkoder, Albania) vive e lavora a Roma.
Nel 2011 ha rappresentato l’Albania alla 54esima Esposizione Internazionale d’Arte – Biennale di Venezia. Nel 2008 ha vinto il Premio Onufri Internazionale d’Arte Contemporanea, Tirana, e nel 2009 il premio Young European Artist Award Trieste Contemporanea.
Ha esposto presso: Viafarini, Milano (2014); GAM, Torino (2013); White House Biennial, Atene (2013); KCCC, Klaipeda (2013); ZKM, Karlsruhe (2012); MUSAC, Castiglia, León.(2012); TICA, Tirana (2012); Prague Biennale 5, Praga (2011); 98 weeks Project Space, Beirut (2011); Trongate 103, Glasgow (2011); National Gallery of Kosove, Prishtine (2010); Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce, Genova (2009); Studio Tommaseo, Trieste, (2009); National Gallery of Tirana, (2008).